.
Annunci online

hommerevolte
Blog-Lab di Luca Guglielminetti e del Nuovo Caffé Letterario
Link
Cloud Tags

Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

blog letto 1 volte

Locations of visitors to this page

ARTICOLI PRINCIPALI SU TERRORISMO E RADICALIZZAZIONE
L'Italia (che non è la Danimarca) parte con la prevenzione soft del terrorismo 27 Novembre 2015
Di fronte la strage di Parigi: The soft (power) is the hardest 15 Novembre 2015
Torino prima città con una piano di prevenzione della radicalizzazione violenta? 28 luglio 2015
Dei diversi approcci di prevenzioni del terrorismo 28 giugno 2015
Softpower, deradicalizzazione e contronarrative nella prevenzione del terrorismo 16 gennaio 2015
Softpower nella prevenzione del terrorismo: il divario europeo 17 ottobre 2014
Il processo di radicalizzazione violenta del movimento No Tav 25 aprile 2014
Dopo il caso Delnievo, la prevenzione verso il rientro dei combattenti in Siria 26 giugno 2013


PROFILO - @Google

INCIPIT
C'è la bellezza e ci sono gli umiliati. Qualunque difficoltà presenti l'impresa, non vorrei mai essere infedele né ai secondi né alla prima." (Albert Camus)
L'uomo in rivolta

Cerca sui miei blog



Nuovo Caffé Letterario

Anche su:


Nuovo Caffé Letterario

Promuovi anche tu la tua Pagina



Pubblicazioni on-line su: ISSUU


Video
Vimeo


politica estera
Dopo il caso Delnievo, la prevenzione verso il rientro dei combattenti in Siria
26 giugno 2013

Qualche giorno fa è giunta in Italia la notizia di un nostro connazionale morto in Siria, combattendo con l'ala oltranzista della ribellione contro il regime di Bashar al-Assad. "Giuliano Delnevo, 23enne genovese, si era convertito all'islam nel 2008. Di famiglia non musulmana, si era avvicinato alla causa probabilmente grazie alla predicazione online, in un percorso che lo aveva portato alla radicalizzazione e ad avvicinarsi a gruppi estremisti." (vedi la sua storia qui)

Giampiero Massolo, direttore del Dipartimento delle informazioni per la sicurezza (Dis) sottolinea come l'Italia non sia un "bacino di reclutamento", ma che il rischio di una radicalizzazione autonoma sia pur sempre presente. Il vero problema non è infatti l’uscita di italiani verso la Siria, ma soprattutto il rientro di cittadini europei, o meno, che dalla Siria rientreranno in futuro in Europa, molti dei quali passando dall’Italia.

Il punto critico, su cui si sono allertate alcune nazioni europee, i loro ministri degli Interni e la Commissione Europea è infatti il numero crescente di combattenti stranieri (foreign fighters) in Siria: il 90% arriva da paesi come Libano, Yemen e dal Nord Africa, il 10% arriva invece proprio dall’Europa. La vera preoccupazione è connessa ai rischi del loro rientro nei rispettivi paesi di questo 10% e di una parte del restante 90% come migranti. Un parte di loro, potrebbe infatti rappresentare un serio pericolo per la sicurezza interna ai vari paesi UE, trattandosi di soggetti, non solo radicalizzati, ma dotati di una esperienza fattiva di combattimento che può trasferirsi nei nostri paesi.

Si tratta allora di attivare delle misure preventive rivolte ad una adeguata formazione verso tutti coloro che lavorano alle frontiere, in modo particolare alle nostre complicate frontiere, come Lampedusa. Gli stessi cittadini europei infatti non potrebbero tornare nei rispettivi paesi per via legale, essendo molti già conosciuti come espatriati in Siria.

Tali misure preventive riguardano una attività di formazione atta a fornire una piena consapevolezza di questa pericolo ai soggetti coinvolti a vario titolo nelle attività di frontiera e immigrazione: dalla polizia al personale sanitario e di soccorso, dalle ONG che svolgono attività di accoglienza e supporto ai migranti, ai leader delle comunità locali e a quelli religiosi.

La "Rete sulla consapevolezza dei problemi della radicalizzazione" (RAN), istituita dalla Direzione Generale Affari interni della Commissione Europea, sta raccogliendo proposte e progetti concreti per attivare tali misure preventive. C’è da augurarsi che il nostro governo le faccia poi proprie non contando solo sulle sue ottime capacità di intelligence, che per altro, fino ad oggi, ci hanno messo al riparo da attentati terroristici di matrice jihadista.

sfoglia
maggio        luglio