.
Annunci online

hommerevolte
Blog-Lab di Luca Guglielminetti e del Nuovo Caffé Letterario
Link
Cloud Tags

Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

blog letto 1 volte

Locations of visitors to this page


PROFILO - @Google

INCIPIT
C'è la bellezza e ci sono gli umiliati. Qualunque difficoltà presenti l'impresa, non vorrei mai essere infedele né ai secondi né alla prima." (Albert Camus)
L'uomo in rivolta

Cerca sui miei blog



Nuovo Caffé Letterario

Anche su:


Nuovo Caffé Letterario

Promuovi anche tu la tua Pagina



Pubblicazioni on-line su: ISSUU


Video
Vimeo


CULTURA
Un lavoro di sociologia minore su bellezza e rivolte
9 febbraio 2012

Un lavoro di 'sociologia minore', così è stato giudicato il blog "Girls in revolt" in un commento che centra la natura di questa galleria al femminile di oltre 600 fotografie dei nuovi movimenti da tutto il mondo.



politica interna
Genesi e considerazioni sul photoblog "Girls in revolt"
9 febbraio 2012
Girls in revolt
Qui: http://girlsandrevolts.tumblr.com/

Colpisce come spesso non sia noto quanto e dove tutto è iniziato.

I punti di inizio, geografici e temporali, in vero forse sono due: uno è la Tunisia quando, tra il dicembre del 2010 e il gennaio 2011, scoppia quella che è stata definita la Rivoluzione dei gelsomini (Jasmin revolution). Ma probabilmente c'è una antenata: la proteste post-elettorali del 2009-2010 in Iran, definite come Green revolution (Rivoluzione verde) o Sea of Green (traducibile come Mare di verde) a ricordare il colore della campagna elettorale del candidato sconfitto Mousavi, ma è stata definita anche come Persian Awakening (Risveglio persiano) o ancora come Twitter Revolution (Rivoluzione di Twitter).

Da queste due ondate di proteste è sorta e seguita la cosiddetta Primavera Araba, in Egitto, nello Yemen, nel Bahrain, e poi in forma drammaticamente bellica nella Libia di Gheddafi, fino alla Siria di questi giorni tragici nei quali la violenza brutale del regime continua a mietere vittime a centinaia, con le complicità infami di Russia e Cina.

Il movimento approda in Europa, a Madrid, il 15 Maggio 2011 con gli indignados / acampados / Democracia Real YA che si estende alle città spagnole e agli altri paesi europei, specie quelli latini più colpiti dalla crisi (Grecia, Italia, Francia).

Il 17 settembre 2011, il movimento sbarca negli USA, Occupy Wall Street è la prima di una serie di occupy seguita dal nome di città degli Stati Uniti, del Canada, della Gran Bretagna e in Israele.

In parte disgiunto in parte collegato è la varietà di altri movimenti nelle altre aree del mondo.

In estremo oriente, nella Corea del Sud e nel Giappone, non stupirà che la tragedia del maremoto e dell'incidente nucleare di Fukushima, abbia caratterizzato il movimento sul tema “No nukes”. Un movimento certo antico di decenni, ma che in quei paesi ha avuto nel 2011 nuova grande linfa.

Più curioso il caso del Latinoamerica. Anche lì c'è stato un forte movimento che ha coinvolto le principali città di grandi paesi come il Brasile: quello delle marce delle prostitute, Marcha das Vadias, o Marcha de las Putas. Ma non si può non segnalare il movimento studentesco cileno. O quello “occupy” in paesi come il Porto Rico. O ancora quello delle prostitute in un paese come la Corea del Sud. Per non dire del colletivo femminista ukraino "Femen".

L'idea di “Girls in relvolt” nasce dall'intuizione che la cifra di questi movimenti sia la presenza e il ruolo della donne, in particolare delle giovani donne, con tutta la loro immanente bellezza.

Le ragazze e i temi femministi sono presenti in tutti questi movimenti, così come i social media su Internet e i cellulari sono la piattaforma e le periferiche su cui si è veicola la comunicazione e, almeno in parte, la organizzazione di tutti questi movimenti.

Le donne, e il loro contributo di idee, di pace, di bellezza e di libertà, spariscono ed escono dalla scena politica quando la rivolta si trasforma in guerra, come è successo in Libia e come rischia di succedere adesso in Siria.

La cifra pacifica così come quella femminile, cui la prima è probabilmente debitrice, abbiamo l'impressione che permettano di connotare questi movimenti più come 'rivolte' che non come 'rivoluzioni'.

Rivolte in senso camusiano, con il senso del limite ben chiaro, in cui i 'no' sono temperati con dei 'sì'. In cui la tentazione nichilista e violenta è ultra minoritaria.

Rivolte anche per la loro evidente lontananza dai movimenti giovanili e rivoluzionari del XX secolo, dalle loro mitologie ed ideologie. Lo si vede anche nell'iconografia del movimento “occupy” che utilizza con grande ironia la grafica dell'avanduardia russo-sovietica degli anni '20/'30 o la maschera di Anonymus, cioè quella di un celebre fumetto, che ha di fatto sostituito il ritratto del Che, quello di un celebre rivoluzionario dei 'mitici' anni '60.

POLITICA
Ragazze in rivolta
18 gennaio 2012

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. camus beauty indignados occupy ows

permalink | inviato da hommerevolte il 18/1/2012 alle 12:31 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
arte
Realismo sovietico?
20 dicembre 2011

Dopo 90 anni l'arte realista sovietica arriva negli USA!

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. arte ows occupy the streets

permalink | inviato da hommerevolte il 20/12/2011 alle 1:17 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
POLITICA
Compleanno di Occupy Wall Street
17 dicembre 2011

On Saturday, December 17th – the 3 month anniversary of the birth of this movement, we will gather to celebrate Occupy Wall Street and to occupy space together.

La cosa più divertente di questo anniversario è in questo sito dove le dinamiche tra rivoltosi, polizia e media vengono invertite: http://www.tylershields.com

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. ny occupy wall street ows

permalink | inviato da hommerevolte il 17/12/2011 alle 18:50 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
musica
Il drummining di Zuccotti Park
14 dicembre 2011

«I tamburi che suonavano 24 ore al giorno a Zuccotti Park, scatenando polemiche perché troppo rumorosi. Quel drumming poliritmico non è riducibile ad alcun genere R&B, hip hop o rock. E’ una musica nuova e improvvisata che è qui per stare»] «I tamburi che suonavano 24 ore al giorno a Zuccotti Park, scatenando polemiche perché troppo rumorosi. Quel drumming poliritmico non è riducibile ad alcun genere R&B, hip hop o rock. E’ una musica nuova e improvvisata che è qui per stare» (vedi Cornel West)

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. zuccotti park ows cornel west

permalink | inviato da hommerevolte il 14/12/2011 alle 15:55 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
POLITICA
La terza rivoluzione americana
13 dicembre 2011
Mentre il giornale di Torino precipita la sua credibilità dietro la vicenda del rogo al campo Rom a seguito di falso scoop e falso stupro, con scuse meschine, il Corsera presenta un intervista assai interesssante ed utile per avere il senso di quello che capita negli USA nel movimento OWS.

Parla Cornel West, il docente di Princeton «ideologo» del movimento Occupy Wall Street 


"Il futuro del movimento è come il jazz: meglio l’improvvisazione del dogmatismo"


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. jazz occupy wall street ows cornel west

permalink | inviato da hommerevolte il 13/12/2011 alle 0:40 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
gennaio        marzo