.
Annunci online

hommerevolte
Blog-Lab di Luca Guglielminetti e del Nuovo Caffé Letterario
Link
Cloud Tags

Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

blog letto 1 volte

Locations of visitors to this page


PROFILO - @Google

INCIPIT
C'è la bellezza e ci sono gli umiliati. Qualunque difficoltà presenti l'impresa, non vorrei mai essere infedele né ai secondi né alla prima." (Albert Camus)
L'uomo in rivolta

Cerca sui miei blog



Nuovo Caffé Letterario

Anche su:


Nuovo Caffé Letterario

Promuovi anche tu la tua Pagina



Pubblicazioni on-line su: ISSUU


Video
Vimeo


POLITICA
Rebecca Solnit, Un Paradiso all’Inferno
4 luglio 2018
POLITICA
Zygmunt Bauman dixit
19 gennaio 2012

“L’establishment politico è inadeguato ai cambiamenti nel moderno mondo liquido. Non siamo alla fine della politica ma solo all’esaurimento di una delle sue forme storiche. Il potere (che è capacità di realizzare le cose) e la politica (che è capacità di decidere quali cose necessitano di essere fatte) ora sono separati. Il potere è stato globalizzato, la politica è rimasta localizzata. O legata a personaggi. Queste due entità devono essere riunite in un livello sovrastatale. Questa sfida probabilmente consumerà la parte migliore della presente generazione. Ma è un obiettivo a cui dobbiamo per forza mirare. Si tratta di sperimentare una nuova politica, con nuove procedure e con nuovi strumenti.”

(Zygmunt Bauman)

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Zygmunt Bauman potere politica

permalink | inviato da hommerevolte il 19/1/2012 alle 15:26 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
POLITICA
Anatomia del potere italiano (1)
10 agosto 2011


Ho imparato che chi pratica la filologia non è mai parco di ottime conoscenze di storia dell'arte.
Sono tentato quindi dal credere che Miguel Gotor abbia scelto lui stesso la copertina dell'ultima sua fatica: "Il Memoriale della Repubblica - Gli scritti di Aldo Moro dalla prigionia e l'anatomia del potere italiano" (Einaudi, 2011).
Il Ritratto d'uomo conservato a Torino, provenente dalla raccolta Trivulzio, è firmato da Antonello da Messina e datato 1476. Il personaggio effigiato, di cui non è nota l'identità, ha sempre esercitato un grande fascino per l'espressione enigmatica che ben si addice al tema trattato.
Viene riprodotta sulla prima di copertina solo un sezione del quadro (il 'quarto' in alto a destra), ma non credo che la scelta sia riferita alla parzialità del memoriale di cui tratta il testo. La ragione in questo caso è di natura grafica: quasi ad eliminare il contesto storico del quadro per accentuare l'espressione dell'occhio con la sua sopracciglia impertinente. Icona del piglio del potere, fuori dal tempo.

Non è  invece fuori dal tempo, ma suoi precisi meandri, tutta l'analisi svolta sui fatti che ruotano intorno agli scritti di Aldo Moro dalla prigione delle Brigate Rosse.
Abbiamo più volte ripetuto (aggiungere i link) che storia e storici si erano tenuti lontani dagli anni di piombo, salvo quando hanno prodotto o memorialistica di dubbia fede, o parziali reportage giudiziari dagli atti degli archivi dei tribunali italiani.

Ci voleva forse un filologo per fare la storia: almeno quel pezzo particolare di storia recente che è il culmine degli anni di piombo, l'attacco al cuore dello Stato, il 1978.

(continua)
sfoglia
giugno