.
Annunci online

hommerevolte
Blog-Lab di Luca Guglielminetti e del Nuovo Caffé Letterario
Link
Cloud Tags

Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

blog letto 1 volte

Locations of visitors to this page

ARTICOLI PRINCIPALI SU TERRORISMO E RADICALIZZAZIONE
L'Italia (che non è la Danimarca) parte con la prevenzione soft del terrorismo 27 Novembre 2015
Di fronte la strage di Parigi: The soft (power) is the hardest 15 Novembre 2015
Torino prima città con una piano di prevenzione della radicalizzazione violenta? 28 luglio 2015
Dei diversi approcci di prevenzioni del terrorismo 28 giugno 2015
Softpower, deradicalizzazione e contronarrative nella prevenzione del terrorismo 16 gennaio 2015
Softpower nella prevenzione del terrorismo: il divario europeo 17 ottobre 2014
Il processo di radicalizzazione violenta del movimento No Tav 25 aprile 2014
Dopo il caso Delnievo, la prevenzione verso il rientro dei combattenti in Siria 26 giugno 2013


PROFILO - @Google

INCIPIT
C'è la bellezza e ci sono gli umiliati. Qualunque difficoltà presenti l'impresa, non vorrei mai essere infedele né ai secondi né alla prima." (Albert Camus)
L'uomo in rivolta

Cerca sui miei blog



Nuovo Caffé Letterario

Anche su:


Nuovo Caffé Letterario

Promuovi anche tu la tua Pagina



Pubblicazioni on-line su: ISSUU


Video
Vimeo


politica interna
La Balzerani su FB sfotte Moro e la sua scorta via Cattelan
28 febbraio 2012

Un 'capolavoro' di Cattelan è il prestesto per la brigatista Barbara Balzerani per infierire via FaceBook su Aldo Moro e gli uomini della sua scorta (della cui morte è responsabile insieme ad altre efferatezze...) ancora dopo 35!
La foto le è stata gentilmente segnalata da Erri De Luca, amico e sodale della ex capo colonna romana, uno scrittore che ha messo la retorica delle ingiustizia al servizio di tutte le malefatte del mondo salvo dimenticarsi della più infame: quella di chi uccide innocenti per un 'buona causa' di giustizia.

-------
[Non che la cercassi, ma mi pare che questa fotografia e la storia dei suo utilizzatori finali su FaceBook siano perfetti per la mia prossima relazione a Bruxelles alla  Commissione Europea].
POLITICA
Anatomia del potere italiano (1)
10 agosto 2011


Ho imparato che chi pratica la filologia non è mai parco di ottime conoscenze di storia dell'arte.
Sono tentato quindi dal credere che Miguel Gotor abbia scelto lui stesso la copertina dell'ultima sua fatica: "Il Memoriale della Repubblica - Gli scritti di Aldo Moro dalla prigionia e l'anatomia del potere italiano" (Einaudi, 2011).
Il Ritratto d'uomo conservato a Torino, provenente dalla raccolta Trivulzio, è firmato da Antonello da Messina e datato 1476. Il personaggio effigiato, di cui non è nota l'identità, ha sempre esercitato un grande fascino per l'espressione enigmatica che ben si addice al tema trattato.
Viene riprodotta sulla prima di copertina solo un sezione del quadro (il 'quarto' in alto a destra), ma non credo che la scelta sia riferita alla parzialità del memoriale di cui tratta il testo. La ragione in questo caso è di natura grafica: quasi ad eliminare il contesto storico del quadro per accentuare l'espressione dell'occhio con la sua sopracciglia impertinente. Icona del piglio del potere, fuori dal tempo.

Non è  invece fuori dal tempo, ma suoi precisi meandri, tutta l'analisi svolta sui fatti che ruotano intorno agli scritti di Aldo Moro dalla prigione delle Brigate Rosse.
Abbiamo più volte ripetuto (aggiungere i link) che storia e storici si erano tenuti lontani dagli anni di piombo, salvo quando hanno prodotto o memorialistica di dubbia fede, o parziali reportage giudiziari dagli atti degli archivi dei tribunali italiani.

Ci voleva forse un filologo per fare la storia: almeno quel pezzo particolare di storia recente che è il culmine degli anni di piombo, l'attacco al cuore dello Stato, il 1978.

(continua)
sfoglia
gennaio        marzo