.
Annunci online

hommerevolte
Blog-Lab di Luca Guglielminetti e del Nuovo Caffé Letterario
Link
Cloud Tags

Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

blog letto 1 volte

Locations of visitors to this page


PROFILO - @Google

INCIPIT
C'è la bellezza e ci sono gli umiliati. Qualunque difficoltà presenti l'impresa, non vorrei mai essere infedele né ai secondi né alla prima." (Albert Camus)
L'uomo in rivolta

Cerca sui miei blog



Nuovo Caffé Letterario

Anche su:


Nuovo Caffé Letterario

Promuovi anche tu la tua Pagina



Pubblicazioni on-line su: ISSUU


Video
Vimeo


VIAGGI
Chatsworth house
26 aprile 2011

Chatsworth house, Derbyshire (UK) 2011





permalink | inviato da hommerevolte il 26/4/2011 alle 11:50 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
VIAGGI
Chatsworth house - 2
24 aprile 2011

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. midlands uk Chatsworth

permalink | inviato da hommerevolte il 24/4/2011 alle 12:38 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
SOCIETA'
Fortezza Europa
23 aprile 2011
politica interna
SCIVOLARE SULLE BR
21 aprile 2011

La scivolata sulle Procure "brigatiste" e relativo manifesto potrebbe essere quello che verrà ricordato come lo smarcamento finale degli ultimi fedelissimi e, quindi, la fine politica di Berlusconi; con il paradosso che laddove non riuscirono le Procure per 17 anni, riuscì - in pochi giorni - ad un manifesto a loro dedicato: Berlusconi suicidato dalla Brigate Rosse




Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. berlusconi br

permalink | inviato da hommerevolte il 21/4/2011 alle 9:6 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
cinema
Corto animato "La revolution du jasmin"
14 aprile 2011


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. cinema egitto tunisia rivolte arabe

permalink | inviato da hommerevolte il 14/4/2011 alle 16:49 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
CULTURA
La Repubblica fondata sulle televisioni del dolore
6 aprile 2011
Sono veramente assai curiose le tesi di De Luna del suo ultimo saggio “la Repubblica del dolore”, di cui La Stampa ha fornito un anticipo lo scorso 3 aprile.



Leggendo l'anticipazione, a Berlusconi andrebbe addebitata anche la privatizzazione delle memorie attraverso le sue “televisioni del dolore” le quali, fin dagli anni ’80, avrebbero reso impossibile agli storici di fare il loro mestiere e alle istituzioni pubbliche di mantenere la loro identità nazionale. Per compensare la deriva televisiva e privatistica della memoria, la classe politica non avrebbe trovato di meglio da fare che approvare una serie di “leggi di memoria”, per le vittime di questo e quell’altro. Con il pessimo risultato di ottenere che “la centralità delle vittime posta come fondamento di una memoria comune divide più di quanto unisca”.

In tutta franchezza, è difficile vedere un paese che sia diviso perché c’è un giorno dell’anno dedicato delle vittime della mafia, piuttosto che a quelle della shoah, o a quelle delle foibe. L’impressione è che lo storico torinese, curatore tra l’altro della mostra sui 150 anni di Unità d’Italia (nella quale per altro le vittime della mafia sono le uniche privilegiate da un spazio apposito), abbia annegato un problema in un contesto più ampio per nasconderlo, forse, anche alla sua coscienza di ex militante degli anni ’70. Le sole vittime che dividono il paese in modo palese, ma più spesso sotterraneo, sono quelle del terrorismo.
Il punto risulterà anche più chiaro se si ha voglia di andare a sentire le stesse tesi  espresse nel contesto di un convegno francese dell'anno scorso a Lione, dedicato alle memorie dei figli degli anni di piombo.

Quest’ultime, è abbastanza noto che non abbiano mai goduto per oltre 30 anni né di buona stampa, né di alcuna attenzione da parte degli storici. La loro memoria non ha interessato per decenni nessuna televisione, nessun partito, nessun ricercatore, fino a quando non hanno posto la loro esistenza all’onore del mondo attraverso internet, e quando un giornalista, Giovanni Fasanella, ha iniziato ad intervistarle per un libro e poi quando le stesse vittime hanno iniziato loro stesse a scriverne.

Solo tardivamente è intervenuto il Parlamento con la legge di memoria, nel 2007: trent’anni dopo le uccisioni di Carlo Casalegno, di Antonio Custra, di Roberto Crescenzio, solo per fare alcuni nomi di chi morì nel 1977.
Non ci risulta che né le istituzioni, né gli storici ci abbiano messo tanto tempo per curare in modo pubblico la memoria dei partigiani ammazzati o degli internati nei lager nazisti.
Con le dovute proporzioni, la buona stampa e i buoni storici delle vittime del dopoguerra probabilmente per De Luna avranno a che fare con la buona produzione del cinema neorealista.


---------------------------------------------------------------------------------------
P.S. 14.04.2011 Testo finale del Diretto Aiviter in merito allo storico De Luna:

VITTIME DEL TERRORISMO: RAGGIUNTO IL MASSIMO PARADOSSO

sfoglia
marzo        maggio